Progetto Europeo - ASRE

Archivio Storico dei Restauratori Europei
Rete europea per lo studio e la documentazione delle vicende conservative del Patrimonio Culturale

(2005-2006)

Presentazione del progetto
Enti ed organismi coinvolti
Comitato scientifico
Documenti d'identità
Pubblicazioni
 
torna a Storia del restauro

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Nel settembre del 2005 prende avvio il progetto europeo Archivio Storico dei Restauratori Europei, promosso dai tre partner italiani, l’Associazione Giovanni Secco Suardo, l’Istituto Centrale per il Restauro e l’Università di Roma “La Sapienza”, che da anni sono già impegnati nel progetto nazionale ASRI - Archivio Storico Nazionale e banca dati dei Restauratori Italiani.

Il progetto europeo, sostenuto dalla Commissione Europea all’interno del programma Cultura 2000, vede attualmente la partecipazione di altri partner di quattro paesi europei (Francia, Germania, Spagna, Ungheria) e la partecipazione, in qualità di partner associato, dell’organismo internazionale IIC (The International Institute for Conservation of Historic and Artistic Works).
Tale partenariato d’istituti e centri di formazione e ricerca ha visto la nascita, attraverso la firma di un Documento d’Intenti da parte dei partecipanti, di una Rete europea per lo studio e la documentazione delle vicende conservative del Patrimonio Culturale, con lo scopo di promuovere una sinergia tra i diversi paesi su queste problematiche, di valorizzare i saperi e le conoscenze sulla storia della conservazione e del restauro in un’ottica di mobilità e condivisione di studi e ricerche, di attività formative, di prassi e tecniche, di politiche di tutela, e l’istituzione dell’Archivio Storico dei Restauratori Europei.

Da tempo si sottolineava la necessità di studi e ricerche integrate ed interdisciplinari sulla storia del restauro quale elemento necessario di analisi di ogni critica artistica e di restauro, nonché come indispensabile strumento di indagine di interventi di conservazione e di restauro. Negli ultimi decenni vari sono stati gli studi e le ricerche avviati in tal senso in molti paesi europei. Molti di questi però ancora solo in ambito nazionale e non in relazione con quelli degli altri paesi.
In questo primo anno di lavoro si sono definite le linee guida e gli standard descrittivi, si è verificato lo “stato dell’arte” degli studi nei sei paesi partecipanti, è stata progettata e sviluppata una base di dati per la gestione dell’Archivio Storico dei Restauratori Europei ed i gruppi di ricerca dei partner hanno prodotto le prime Schede Biografiche di conservatori-restauratori europei con le relative Schede di Eventi di conservazione-restauro.

top
 

ENTI ED ORGANISMI COINVOLTI

Ente capofila

  • Associazione Giovanni Secco Suardo

Partrner co-organizzatori

  • Istituto Centrale per il Restauro, Roma, Italia
  • Università di Roma "La Sapienza" – Dipartimento di Storia dell’Arte, Roma, Italia
  • Centre de Recherche et de Restauration des Musées de France - C2RMF, Paris, France
  • Universität von Hildesheim, Hochschule für angewandte Wissenschaft und Kunst, HAWK
  • Hildesheim/Holzminden/Göttingen, Hildesheim, Deutschland
  • Universidad Politecnica de Valencia - Departemento de Conservaciòn y Restauraciòn de Bienes Culturales, Valencia, España
  • Állami Muemlékhelyreállitási es Restaurálási Központ, Budapest, Magyarország

Partner associato

  • IIC-The International Institute for Conservation of Historic and Artistic Works
  • Con il sostegno di
  • European Commission - Directorate-General for Education and Culture - Unit Culture
top
 

COMITATO SCIENTIFICO

  • GIUSEPPE BASILE (Istituto Centrale per il Restauro, Roma, Italia)
  • ANDREW ODDY (IIC-The International Institute for Conservation of Historic and Artistic Works)
  • PILAR ROIG PICAZO (Universidad Politecnica de Valencia - Departemento de Conservaciòn y Restauraciòn de Bienes Culturales, Valencia, España)
  • ORIETTA ROSSI PINELLI (Università di Roma "La Sapienza" – Dipartimento di Storia dell’Arte, Roma, Italia)
  • PÉTER SÁROSSY (Állami Muemlékhelyreállitási es Restaurálási Központ, Budapest, Magyarország)
  • URSULA SCHÄEDLER-SAUB (Universität von Hildesheim, Hochschule für angewandte Wissenschaft und Kunst, HAWK Hildesheim/Holzminden/Göttingen, Hildesheim, Deutschland)
  • LANFRANCO SECCO SUARDO (Associazione Giovanni Secco Suardo, Lurano - Bergamo, Italia)
  • NATHALIE VOLLE (Centre de Recherche et de Restauration des Musées de France - C2RMF, Paris, France)

Progettazione concettuale del prototipo della base di dati RES.E. (REStauratori Europei): MATTEO PANZERI

top
 

DOCUMENTO D’INTENTI

PUBBLICAZIONE
Gli esiti ed i materiali di questa prima fase di lavoro sono raccolti all’interno della pubblicazione Amplius vetusta servare. Primi esiti del progetto europeo Archivio Storico dei Restauratori Europei.

top

Menu orizzontale